Matteo Trentin
Matteo Trentin
maggio, 2014
AMGEN TOUR OF CALIFORNIA: IL PRIMO ITALIANO E’’ MATTEO TRENTIN
Si è concluso domenica l’Amgen Tour of California, corsa a

Si è concluso domenica l’Amgen Tour of California, corsa a tappe americana che nonostante la recente storia, è nata infatti solo nel 2006, edizione dopo edizione sta acquistando sempre più consensi e popolarità a livello internazionale. Il team Omega Pharma-Quick Step schierava al via una formazione di prim’ordine con atleti del calibro di Tom Boonen e Mark Cavendish oltre al nostro Matteo Trentin. Per lo squadrone belga il Tour of California è un appuntamento molto sentito, anche perché è la casa del proprio fornitore di biciclette, Specialized, che quest’anno festeggia i suoi primi quarant’anni di vita. 
Matteo Trentin ha disputato un ottimo Amgen Tour of California, contribuendo in maniera decisiva alle due vittorie di tappa di Mark Cavendish, conquistando un sesto posto nella tappa di Pasadena e piazzandosi davanti a tutti tra gli italiani in gara nella classifica generale.
Matteo Trentin rimarrà ancora per due settimane in America e più precisamente si trasferirà in altura, nei pressi del lago Tahoe, dove seguirà un programma di allenamento specifico prima di tornare definitivamente in Europa.

“Il Tour of California è andato bene, sia dal punto di vista personale che della squadra, dove abbiamo raccolto due importanti successi con Cav,” dichiara Matteo. “La condizione fisica è buona, nonostante alcuni giorni le temperature fossero davvero insopportabili, con circa 40° e posso assicurarvi che una borraccia non durava più di 10 minuti. La California è davvero molto bella e adesso avrò la fortuna di poter visitare anche la parte che confina con il Nevada. Saranno due settimane di lavoro molto intense, poi tornerò in Europa per correre le gare che ci proietteranno verso il Tour de France che mi auguro naturalmente di poter disputare.”


L’AMERICANO MATTEO TRENTIN
Matteo Trentin è impegnato da domenica scorsa all’Amgen Tour of

Matteo Trentin è impegnato da domenica scorsa all’Amgen Tour of California, una delle corse a tappe più importanti del continente americano. Nella prima frazione, Matteo ha contribuito a pilotare Mark Cavendish, il “Re delle volate” e suo compagno di squadra verso la vittoria. Il giorno seguente, poi, ha disputato una buona cronometro, arrivando primo tra gli italiani in gara.

“L’Amgen Tour of California è una corsa davvero molto bella, sia per la varietà del percorso studiato dagli organizzatori che per i paesaggi da sogno che abbiamo la fortuna di vedere ogni giorno intorno a noi,” queste le parole di Matteo al termine della quinta tappa. “Nei primi giorni di gara la gamba era buona e sono abbastanza soddisfatto delle mie performance fino a ora. Abbiamo vinto la prima tappa con Cav e da qui a domenica, proveremo a fare di nuovo risultato. Al termine della corsa mi fermerò in America e mi trasferirò in altura nei pressi del Lago Tahoe per un periodo di allenamento e preparare così nel migliore dei modi il proseguo della stagione. Appena concluse le classiche del Nord ad aprile mi sono trasferito in America e considerata la mia lunga permanenza qui, il “Nuovo Continente” sta diventando la mia seconda casa.”


MATTEO TRENTIN TORNA IN SELLA AL TOUR OF CALIFORNIA
Dopo quasi un mese lontano dalle corse, Matteo Trentin tornerà

Dopo quasi un mese lontano dalle corse, Matteo Trentin tornerà a gareggiare al Tour of California, che prenderà il via l’11 maggio dalla capitale Sacramento. Il campione di Borgo Valsugana infatti ha corso tutta la prima parte di stagione, disputando tra l’altro Milano-Sanremo, Ronde Van Vlaanderen e Paris-Roubaix. Dopo le classiche e un breve periodo di riposo, Matteo si è trasferito per qualche settimana proprio in California per allenarsi.

 

“La prima parte di stagione è stata positiva, sia per me che per la squadra, che ha ottenuto risultati fantastici,” queste le parole di Matteo a pochi giorni dal suo rientro in gruppo. “Dopo la Paris-Roubaix sono volato in California per rilassarmi qualche giorno e staccare un po’ la spina dopo alcuni mesi veramente impegnativi. Ora sono pronto a ripartire e mi sono allenato soprattutto sulle lunghe distanze per ritrovare presto la giusta condizione. Il Tour of California, nonostante sia nato solamente nel 2006, è una delle più importanti corse del continente americano e ci tengo perciò a fare bene. Il percorso è abbastanza vario e non mancheranno senz’altro i colpi di scena.
In questo mese dove non ho gareggiato, la squadra ha ottenuto grandi risultati e questo è importante perché ti spinge ad allenarti al massimo per essere sempre all’altezza dei tuoi compagni. Le corse mi sono mancate in questo periodo e non vedo l’ora di potere tornare in gruppo. Seguitemi!


RIPARTENZA
Le grandi classiche sono finite , il pavè non si

Le grandi classiche sono finite , il pavè non si toccherà quasi più fino al prossimo anno ed il freddo della prima parte dell’anno sembra ormai lasciare il passo alla bella stagione. Vi scrivo direttamente dalla California dove sono volato subito dopo la Parigi-Roubaix per ricaricare le batterie , riprendere alla grande gli allenamenti e perchè no, sfuggire all’ultima ondata di maltempo che è arrivata in Italia.

Mi è sempre piaciuto viaggiare ma non ero mai stato nella West Coast e quindi ho deciso di raggiungere la mia fidanzata Claudia che gia’ si trovava a Los Angeles per impegni di lavoro. Cosa colpisce della West Coast? La sua grandezza, qui tutto è immenso : LA è quasi grande come il trentino, le strade sono a 5 corsie, dall’aereoporto di Los Angeles (il famoso LAX) nelle ore di punta partono 2 aerei al minuto, ovunque vai (perlomeno in bicicletta) sei sempre nella “Città degli Angeli.”

Passando del tempo qui ho capito anche come gli americani vivono lo sport : ho assistito a una partita dei LA Clippers allo Staples Center ed è stato incredibile vedere  l’attaccamento che i tifosi avevano per la squadra. Non come nel calcio da noi, stiamo parlando di un altro livello!! Il DJ nello stadio sprona il pubblico a tifare per la squadra, fa sentire i tifosi parte del team che scende in campo per la vittoria e tutto questo è palpabile nell’aria. Lo sport è show e gli americani amano lo show.

Naturalmente qui a LA non è stata solo un’esperienza ma anche tanto allenamento : dopo 10 giorni canonici di stacco post-classiche ho ricominciato a lavorare duro per preparare le prossime gare, partendo dal Tour of California. I miei percorsi?? Partenza da Manhattan Beach direzione Topanga attraversando Venice e Santa Monica per poi salire sulle montagne che sovrastano Malibu e l’oceano, su e giù, su e giù e poi casa attraverso la Pacific Coast Highway… sembra figo vero? Devo dire che lo è stato ma vi assicuro che 5 ore tutti giorni sono comunque molto dure!! :-)

Ho una novità per voi che mi seguite: una sera, mentre stavamo cenando, io e Claudia abbiamo avuto un’idea : perchè non fare un video dove in pochi minuti vi ”racconto” con delle immagini la mia giornata tipo qui a Los Angeles? Lo abbiamo fatto, anzi ad essere sinceri, ha fatto tutto lei. Dalle riprese (a parte quelle in bici delle quali mi prendo tutto il merito  ;) ) al montaggio. Spero vi piaccia. Da oggi ho aperto anche un mio canale youtube dove posterò i video che riusciremo a fare durante l’anno, seguitemi numerosi anche lì!