Matteo Trentin
Matteo Trentin
dicembre 30th, 2014
ROAD TO 2015
Eccomi qui!! Il 2014 ciclistico ormai è agli sgoccioli e

Eccomi qui!!

Il 2014 ciclistico ormai è agli sgoccioli e la stagione 2015 per me è già iniziata con preparazione a secco, corsa a piedi, mtb, uscite di fondo con la bici da strada e, come ormai da tradizione, qualche gara di ciclocross.

Ma andiamo con ordine. Molti di voi mi hanno chiesto: “Quando inizi la preparazione per il 2015? Che fai in questo periodo morto senza gare?”

Sono tutte curiosità che meritano una risposta.

Come tutti i ciclisti, una volta finiti i miei impegni agonistici me ne sono andato in vacanza con Claudia per una settimana. Quest’anno abbiamo scelto come meta la Sicilia, puntando a una vacanza ”itinerante” per scoprire luoghi diversi e vedere il più possibile di questa nostra bellissima isola! Geograficamente ci siamo mantenuti a cavallo tra le province di Trapani e Palermo, cambiando hotel, spiaggia e ristorante tutti i giorni, per poter veramente vedere e assaggiare tutto ciò che si poteva.

Un bellissimo break per ricaricare le batterie fisiche e mentali in vista della preparazione per il 2015.

Ed ora la risposta alla domanda più frequente: “Quando inizia la preparazione?”

Per me quest’anno la preparazione è iniziata già a metà ottobre, non in bicicletta su strada ma facendo altri sport come corsa, nuoto e mtb tra le mie montagne. La bici da strada è rimasta in garage per un lungo periodo. Penso di non averla nemmeno usata fino ai primi giorni di novembre.
Da li in poi è ripartita la preparazione su strada iniziando con piccoli giretti di poco più di due ore fino ad arrivare al primo ritiro della squadra ad Oliva, in Spagna, dove, dopo aver dedicato del tempo alle foto ed alle riunioni con i ds, staff e management, abbiamo iniziato un bel blocco di allenamenti per incrementare il fondo ed essere pronti a “stressare” il fisico con qualche lavoro specifico.

Ora, tra Natale e Capodanno mi sono cimentato anche nel ciclocross nelle gare del Trofeo Triveneto di San Fior e Scorzè. Mi fa sempre immenso piacere tornare a gareggiare sui prati, ritrovare tutti gli amici con cui correvo quando per me il ciclocross rappresentava la mia seconda parte di stagione ed inoltre fare un buonissimo allenamento divertendomi e facendo una disciplina che mi è sempre piaciuta.

Aprendo una parentesi proprio sul ciclocross (che come avrete capito mi sta molto a cuore) devo dire che sono rimasto piacevolmente sorpreso dal numero di partecipanti al via di ogni categoria (in particolare in quelle giovanili), dal pubblico che è diventato più numeroso e dalla grande quantità di bambini che si sono avvicinati a questo sport. Se il ciclocross deve ripartire in Italia penso che un primo traguardo lo si sia raggiunto: c’è partecipazione. Questo significa: tanti ragazzini e società coinvolte, un bacino di atleti dal quale, se gestiti bene,  potranno uscire i nuovi Pontoni e Bramati, (non Davide, il mio DS, ma suo cugino Luca :) ), che porteranno a loro volta, grazie alle loro vittorie, ancora più interesse , partecipazione e sponsor (perché ricordiamoci che senza sponsor che coprono la parte economica non si può ne’ correre ne’ organizzare nulla).

Adesso ancora qualche giorno a casa e poi dal 4 di gennaio sarò ancora in ritiro con la squadra, sempre in Spagna, questa volta a Calpe.

Il 2015 si avvicina e il lavoro da fare per fare una bella stagione è ancora molto!
Colgo l’occasione per augurare a tutti voi che mi seguite un fantastico 2015 ricco di gioia e soddisfazioni!

Matteo