Matteo Trentin
Matteo Trentin
QUARTO POSTO PER MATTEO ALLA PARIS-TOURS
Ottimo quarto posto per Matteo alla Paris-Tours. Il nostro campione

Ottimo quarto posto per Matteo alla Paris-Tours. Il nostro campione per un soffio non è salito sul podio, ma ha potuto festeggiare la vittoria del proprio compagno di squadra Fernando Gaviria, che con una volata lunghissima, potente e coraggiosa è riuscito a imporsi sul traguardo finale.

Domenica Matteo sarà in gara nella prova in linea del Mondiale in Qatar con la maglia della nazionale italiana.
Good luck Matteo!


FINALE DI STAGIONE: PARIS – TOURS E MONDIALE IN QATAR PER MATTEO
Sarà una settimana molto dura e impegnativa per il nostro

Sarà una settimana molto dura e impegnativa per il nostro Matteo. Domani, con il pettorale n° 1 sulla schiena, partirà nella 110 edizione della Paris – Tours, la corsa che lo ha visto trionfare lo scorso anno e che gli è valsa la conquista del Ruban Jaune, il premio che celebra il ciclista detentore della velocità media più alta in una gara superiore ai 200 chilometri. Matteo riuscì infatti nell’impresa di percorrere la corsa in sole 4 ore, 39 minuti e 12 secondi all’incredibile media di 49.64 km/h.
Domenica prossima invece, Matteo disputerà il Mondiale in Qatar con la maglia della nazionale italiana.
Paris-Tours e Mondiale saranno comunque le ultime due corse stagionali per Trentin.

“La Paris-Tours 2016 presenta un finale differente rispetto allo scorso anno e sono stati aggiunti circa una ventina di chilometri,” racconta Matteo alla vigilia. “Come sempre la corsa sarà molto veloce e se il vento dovesse essere laterale è probabile che il gruppo si spezzi e sarà perciò importante rimanere nelle prime posizioni. Personalmente è una gara che mi piace molto e insieme a tutta la squadra daremo il massimo per ottenere un grande risultato.
Per quanto riguarda il Mondiale, la corsa sarà molto dura, soprattutto perché dovremo fare i conti con il caldo, il vento e il lungo chilometraggio, fattori determinanti per l’esito finale. Siamo una nazionale ben assortita, con tanti velocisti e uomini che possono stare davanti e tirare per parecchi chilometri. Sarà sicuramente una corsa affascinante, dove non mancheranno i colpi di scena.”

 

 

 


TERZA VITTORIA STAGIONALE PER MATTEO!
Solo pochi giorni dopo aver festeggiato i suoi 27 anni,

Solo pochi giorni dopo aver festeggiato i suoi 27 anni, Matteo si fa un grande regalo conquistando in volata la prima tappa (La Plaine Tonique – Saint-Vulbas, 149,6 km) del Tour de l’Ain. Uno sprint perfetto, che ha permesso al nostro campione di conquistare anche la maglia gialla di leader della generale. Per Matteo si tratta della terza vittoria stagionale.
Dopo essere rientrati sui fuggitivi di giornata, la Etixx-Quick-Step ha preso il comando del gruppo, pilotando perfettamente il corridore trentino fino agli ultimi metri. Matteo è riuscito a imporsi allo sprint piazzandosi davanti a Rudy Barbier (Roubaix Lille Metropole) e Phil Bauhaus (Bora-Argon 18).

“Sono molto contento per questa vittoria, soprattutto perché è una dimostrazione importante del mio buon momento di forma,” racconta Matteo al termine della tappa. “Davide Martinelli ha fatto un ottimo lavoro e mi ha portato fino agli ultimi 350 metri, dove sono uscito dall’ultima curva in terza posizione. Questo è stato davvero molto importante perché  ho potuto lanciare la volata come volevo. Devo ringraziare il Team per la fiducia e per avermi protetto durante tutta la giornata. Spero di fare una buona corsa anche nei prossimi giorni, a seconda di come la gara si snoderà, vedrò di aiutare i nostri uomini di classifica nelle ultime due tappe.”


MATTEO TORNA A VINCERE AL TOUR DE WALLONIE
Dopo un breve periodo di riposo al termine del Giro d’Italia

Dopo un breve periodo di riposo al termine del Giro d’Italia e due settimane di duro lavoro a Livigno in altura, Matteo è tornato a gareggiare in questi giorni in Belgio e per il campione trentino è stata subito vittoria. Oggi, nella quarta tappa del Tour de Wallonie (Aubel – Herstal di Km 180) Matteo ha centrato in volata il secondo successo di questo 2016, dopo la fantastica affermazione a Pinerolo al Giro d’Italia.
Grazie alla vittoria odierna Matteo conquista anche la maglia verde della classifica degli sprinter. Nelle prime due frazioni invece, il campione trentino era  finito ai piedi del podio, collezionando due quarti posti.

“Sono davvero felicissimo per questa vittoria e voglio ringraziare i miei compagni di squadra per il grande lavoro odierno,” racconta Matteo al termine della tappa. “La strategia di gara inizialmente prevedeva che aiutassi Gianni (Meersaman) nella volata, lui però ha avuto un piccolo problema negli ultimi metri e ho visto che non era più alla mia ruota e ho deciso perciò di tirare dritto, riuscendo a stare davanti a Bagdonas (Ag2) che stava rinvenendo da dietro. Abbiamo dimostrato di essere la squadra più forte e domani lavoreremo tutti insieme per difendere la maglia di leader della generale di Gianni nell’ultima frazione di questo Tour de Wallonie.”

 

 


MATTEO, CHE VITTORIA!
Matteo si aggiudica la 18° tappa del Giro d’Italia, da

Matteo si aggiudica la 18° tappa del Giro d’Italia, da Muggio a Pinerolo di KM 234, la più lunga di questa edizione della Corsa Rosa. Una vittoria fantastica, ottenuta in rimonta, con il nostro campione che negli ultimi 200 m è riuscito a superare il proprio compagno di squadra Gianluca Brambilla e Moreno Moser. Per Matteo si tratta della prima vittoria in assoluto al Giro d’Italia.

“Questa vittoria arriva dopo un fantastico lavoro di squadra e una tattica di gara impeccabile,” racconta a fine gara Matteo. “Dopo aver aiutato Brambi (con il quale condivido la camera in questa Corsa Rosa) nella prima parte della salita del Pramartino, sono salito del mio passo per poi scendere a tutto gas in discesa e riprendere Rovny, Arndt e Modolo. Davanti a noi rimanevano Gianluca e Moser, che si erano avvantaggiati precedentemente. Ho potuto quindi stare a ruota nei successevi chilometri e recuperare dallo sforzo, lanciando poi il mio attacco finale sulla salita di San Maurizio che mi ha permesso di rientrare sui primi e superarli negli ultimi 200 metri di corsa. Per me questa è la prima vittoria al Giro, un’emozione veramente incredibile, non potevo chiedere di più. Questo successo lo dedico alla mia famiglia, che mi sostiene sempre e a tutta la mia squadra.”


MATTEO TORNA AL GIRO D’ITALIA
Scatterà domani dall’Olanda e più precisamente da Apeldoorn, la 99a

Scatterà domani dall’Olanda e più precisamente da Apeldoorn, la 99a edizione del Giro d’Italia. La Corsa Rosa partirà per la 12esima volta da un Paese fuori dai confini nazionali. Dopo tre anni di assenza, Matteo torna al Giro d’Italia e sarà uno degli uomini di punta della Etixx – Quick-Step nelle tappe pianeggianti ma anche vallonate.

“Sono felice di tornare al Giro, una corsa che per me significa tanto essendo italiano,” racconta Matteo proprio alla vigilia. “Siamo una squadra ben attrezzata per competere su tutti i terreni, sia nelle volate con Marcel che nelle tappe alpine con Brambilla e gli altri scalatori. Rispetto alle ultime edizioni credo sia un Giro più equilibrato, con tappe molto dure ma anche con frazioni adatte ai velocisti o a fughe da lontano. La mia condizione fisica è buona, purtroppo nelle classifiche del Nord ho raccolto meno di quanto avrei voluto. Sono fiducioso comunque perché all’Amstel sono stato sempre nel gruppo dei migliori fino a pochi chilometri dal traguardo. Il Giro di quest’anno presenta diverse tappe ideali per le mie caratteristiche e se si presenterà l’opportunità di provare a vincere una tappa non me la farà di certo scappare. Ci vediamo sulle strade del Giro. Stay tuned!”


MATTEO NELL’INFERNO DEL NORD
Matteo si appresta ad affrontare domenica la 114° Paris-Roubaix. Una

Matteo si appresta ad affrontare domenica la 114° Paris-Roubaix. Una corsa che come sempre sarà teatro di uno spettacolo sportivo inimitabile e che vedrà i ciclisti darsi battaglia su 257 KM, con 27 settori di pavé complessivi da domare. Il campione di Borgo Valsugana vorrà essere protagonista, o in prima persona o al fianco dei capitani Boonen, Stybar e Terpstra.

“Domenica la corsa dovrebbe essere asciutta, con la pioggia sarebbe stata davvero una Paris-Roubaix ancora più imprevedibile,” racconta alla vigilia Matteo. “La mia condizione fisica è buona, ma si sa che in gare di questo tipo serve anche un pizzico di fortuna. La settimana scorsa alla Ronde Van Vlaanderen purtroppo non sono riuscito ad esprimermi sui mie livelli, non è stata infatti una grande giornata per me. Per domenica invece sono fiducioso, anche se il livello quest’anno è veramente molto alto, con tanti atleti che possono giocarsi la vittoria alla Paris-Roubaix.”


E3 Harelbeke e Gent-Wevelgem nel weekend per Matteo
Dopo aver chiuso in crescendo la Tirreno Adriatico, Matteo è

Dopo aver chiuso in crescendo la Tirreno Adriatico, Matteo è pronto a vivere le grandi classiche del Nord. Questo weekend infatti sono in programma le due corse che di fatto aprono il calendario del Pavè: E3 Harelbeke e Gent-Wevelgem.

“Fisicamente mi sento bene e il lavoro svolto sull’Etna credo stia iniziando a dare i suoi frutti,” racconta Matteo alla vigilia della E3 Harelbeke. “Alla Tirreno-Adriatico ho avuto buone sensazioni, soprattutto nella parte finale della corsa a tappe. Ora finalmente è arrivato il momento delle Grandi Classiche del Pavè, le corse che più amo e che spero di vivere da protagonista.”


DOPO L’EROICA… TIRRENO-ADRITICO
Vigilia di Tirreno-Adritico per Matteo e la sua squadra. Domani

Vigilia di Tirreno-Adritico per Matteo e la sua squadra. Domani infatti prenderà il via da Lido di Camaiore la 51a edizione della “Corsa dei due mari”, con una cronometro a squadre di Km. 22,7. Dopo aver trascorso 20 giorni in Sicilia sull’Etna ad allenarsi, il campione trentino era tornato in gara sabato all’eroica Strade Bianche, chiusa al 19° posto.

“La Strade Bianche è sempre una gara molto dura e ho sofferto un po’ il ritorno alle corse dopo alcune settimane trascorse sull’Etna ad allenarmi,” racconta Matteo alla vigilia della Corsa dei due mari. “Tra gennaio e febbraio non ho disputato molte corse, solo 7 giorni di gara, preferendo allenarmi in altura per arrivare al top della forma in vista delle Classiche. Ora è importante ritrovare il ritmo gara, sicuramente l’aspetto che mi è mancato di più sabato al rientro. La Tirreno-Adriatico è una corsa di grande prestigio e sia io che la squadra ci teniamo particolarmente a fare bene, già da domani dove proveremo a conquistare la cronometro a squadre. In questi 7 giorni di gara ci sono un paio di tappe che potrebbero essere ideali per le mie caratteristiche e se ci sarà l’occasione sicuramente proverò a dire la mia.”

Leggi il blog scritto da Matteo sulla sua permanenza alle pendici dell’Etna. http://www.matteotrentin.it/etna/ 


MATTEO SI PIAZZA SUBITO NELLA TOP 5 ALL’ESORDIO STAGIONALE
All’esordio stagionale, Matteo si piazza subito nella Top 5. Oggi nella prima

All’esordio stagionale, Matteo si piazza subito nella Top 5. Oggi nella prima tappa del Challenge Mallorca (Trofeo Felanitx-Ses Salines-Campos-Porreres di Km 174), il nostro campione si è classificato al quinto posto. La corsa si è decisa in volata, con il tedesco André Greipel (Lotto-Soudal) che si è imposto davanti a Sam Bennett (Bora-Argon 18) e Edvald Boasson Hagen (Dimension Data).

“Sono abbastanza contento del mio esordio stagionale,” dichiara Matteo a fine gara. “Avrei potuto ottenere anche un risultato migliore del quinto posto, ma proprio mentre stavo preparando lo sprint un ragazzo che era davanti a me ha rallentato e ho perso un po’ di velocità. Nonostante questo sono felice per me e per il Team, siamo tutti già molto motivati per la gara che ci aspetta domani.”